Alexandre Dumas

Cagliostro

«Questo libro prodigioso racconta come ognuno sa le avventure di Cagliostro e come abbia ordito l’affare della collana della regina […]. Di fronte alla messa in scena di Dumas (venerando io quel grande autore) mi domandavo se il Vate non avesse scoperto, nel raccontare di un solo complotto, la Forma Universale di ogni complotto possibile». (Umberto Eco)

Giuseppe Balsamo, meglio conosciuto come conte di Cagliostro, avventuriero, studioso di medicina, ipnotismo e alchimia, visse di espedienti finché la sua fama di mago e guaritore si diffuse in tutta Europa e gli assicurò la protezione di nobili, scienziati e sovrani. Fondò a Londra la locale loggia massonica di rito egiziano. Implicato a Parigi nel processo della collana di Maria Antonietta, fu costretto a lasciare la Francia (1786). Stabilitosi a Roma, fu condannato a morte per attività massoniche (1789), poi graziato dal papa e incarcerato a vita.

Avventura e mistero nella vita di Cagliostro narrata da Alexandre Dumas in un romanzo storico che, al ritmo dei Tre moschettieri e con la suspense del Conte di Montecristo, rievoca il ’700 alla vigilia della Rivoluzione francese, mettendo in scena anche personaggi come Maria Antonietta e Luigi XVI, Rousseau e Voltaire.

Il romanzo ha inizio il 6 maggio 1770. Il Gran Cofto, Giuseppe Balsamo, più noto come conte di Cagliostro, traccia il disegno della società segreta degli Illuminati: abbattere le monarchie cominciando dalla più fragile, quella francese. Ai progetti rivoluzionari si intrecciano riti di magia, profezie inquietanti, passioni travolgenti e intrighi di potere nell’affresco di un’epoca nella quale razionalismo e forze oscure della mente e del cuore produssero miscele esplosive per la storia dell’umanità.

 

Alexandre Dumas (1802-1870) è lo scrittore francese più popolare dell’Ottocento.

Maestro del romanzo storico e del teatro romantico, è uno dei più prolifici scrittori del diciannovesimo secolo, la cui opera vanta più di duecento libri.

Celebre soprattutto per i capolavori Il conte di Montecristo e la Trilogia dei moschettieri, pubblicati a puntate a partire dal 1844. Abilissimo nel creare colpi di scena, indubbiamente Dumas si può considerare il padre del romanzo d’appendice.

Secondo l’Index Translationum, con un totale di 2.540 traduzioni, Dumas è al tredicesimo posto tra gli autori mondiali più tradotti in lingua straniera.